I Migliori Trapani Avvitatore


  • Panoramica
  • Migliori Prezzi
  • Punteggi
  • Specifiche
  • Peso
  • Dimensioni
  • Alimentazione
  • Velocità
  • Percussione
  • Pro
  • Contro
  • Amazon
  • Recensione

Guida al Miglior Trapano Avvitatore

Se siete degli amanti dei lavoretti in casa, se il vostro hobby è il bricolage, se vi piace aiutare parenti e amici quando devono montare o smontare mobili, allora il trapano avvitatore non potrà di sicuro mancare nella vostra cassetta degli attrezzi. È uno strumento utile e comodo, fa risparmiare tempo e fatica anche se usato solo per avvitare e svitare, la combinazione con le funzioni del trapano lo rende un utensile quasi indispensabile. Per la sua versatilità è infatti utilizzabile semplicemente per avvitare e montare il vostro nuovo mobile con precisione oppure forare con poca fatica materiali resistenti e duri, sfruttando tutta la potenza della percussione.

operaio donna con in mano un trapano avvitatore

In commercio ci sono molte offerte diverse, dai modelli più economici a quelli di fascia alta con molte funzionalità e accessori avanzati, in generale la prima considerazione da fare quando scegliamo il miglior trapano a avvitatore è dove e come lo utilizzeremo principalmente. I trapani avvitatori si distinguono infatti per il tipo di alimentazione, a batteria o a corrente. La comodità della batteria è ovvia, si può lavorare ovunque anche se non si ha una presa di corrente vicino, si può lavorare quindi con comodità anche all’esterno senza dover usare lunghe e scomode prolunghe o in ambienti dove non c’è ancora l’allaccio della corrente. Il modello è batteria è comodo e sicuro, non si rischiano incidenti con il filo legato alla presa, per tutti questi motivi è quello che si è maggiormente diffuso e di cui parleremo in questo articolo. 

I modelli con filo non sono ovviamente meno performanti, anzi sono quelli preferiti per uso professionale perché non hanno il limite di durata della batteria, possono lavorare con continuità e a potenze anche maggiori. Possiamo dire che i modelli a batteria sono i più diffusi tra amatori e hobbisti mentre quelli a corrente vengono principalmente scelti da professionisti che più facilmente avranno necessità di potenza e continuità di lavoro.

0
Fattori da considerare

Per capire al meglio quale sia il modello di trapano avvitatore migliore per le nostre necessità è importante analizzare le sue caratteristiche e capire quali sono per noi più importanti, in termini ti potenza, batteria, accessori disponibili e acquistabili a parte, funzionalità aggiuntive e ovviamente il rapporto qualità prezzo.

Potenza

La potenza di un trapano è la sua capacità di lavorare al meglio e in un tempo minore, una maggiore potenza infatti permette al nostro trapano avvitatore di eseguire lavori su materiali difficili in tempi ridotti e senza che ci sia un eccesso di sforzo che danneggerebbe la struttura e ridurrebbe la durata nel tempo del nostro utensile. La potenza del trapano viene indicata con il parametro del voltaggio, quello più adatto a noi dipende ovviamente dal tipo di lavoro che andremo a fare. Il voltaggio varia da un minimo di 9 a un massimo di 36 Volt, per chi effettua lavori sia su materiali resistenti sia di semplice avvita-svita è consigliato scegliere un trapano con 18-20 Volt, che dovrebbero salire anche a 24 se sappiamo che dovremo intervenire su materiali particolarmente duri e resistenti. Nella propria scelta è importante valutare l’uso che se ne farà, anche perché una maggiore potenza significa anche un maggiore costo, non per forza necessario se utilizzeremo principalmente la funziona di avvitatore. Oltre ai Volt, troverete altri valori legati alla potenza e da conoscere per poter scegliere il trapano avvitatore migliore, e sono:

    • giri al minuto: sono l’indicatore della velocità e si regolano in base al tipo di materiale che si lavora, nei modelli di fascia media ci sono 3 regolazioni diverse tra cui scegliere, nei modelli professionali arriviamo anche a 6, il numero di regolazioni è fondamentalmente legato al voltaggio e aumenta di conseguenza, per sintesi possiamo dire che un prodotto di qualità media ha come minimo 1.200 giri/min;
    • percussioni al minuto: indica la frequenza di battuta, come se fosse un martello tradizionale, anche in questo caso per una valutazione di un trapano di media qualità il valore indicativo è di almeno 18.000/minuto;
    • coppia di serraggio: ha come unità di misura la sigla Nm ed è il numero che indica maggiormente la potenza del trapano, più sarà alto più sarà potente, quindi potremmo raggiungere maggiori profondità di foratura anche in materiali molto resistenti.

Batteria

L’alimentazione e quindi la batteria sono elementi fondamentali da valutare quando scegliamo il nostro trapano avvitatore perché regolano la possibilità di utilizzarlo definendo sia la potenza del lavoro che si può realizzare sia la durata di attività. I modelli a batteria possono avere sia una batteria interna ricaricabile sia delle batterie sostituibili per avere una maggiore scorta di ore di lavoro eseguibili senza soste per le ricariche. Le batterie disponibili possono essere di tre tipi:
    • agli ioni di litio: durature, più costose, con performance elevate, molto leggere, permettono di lavorare al massimo della potenza anche poco prima che termini la carica;
    • NiCd: una soluzione economica e resistente, per questo molto diffuse, l’effetto memoria le rende meno durature per cui è sempre meglio averne di scorta;
    • NiMh: la via di mezzo tra le due precedenti, hanno una durata maggiore dei quelle NiCd ma non allo stesso livello del litio, anche il prezzo è intermedio tra le altre due tipologie.
Nell’acquisto del vostro trapano avvitatore troverete sempre le informazioni relative alla potenza e all’autonomia. Le indicazioni legate all’autonomia vanno però prese con le pinze perché ci sono molti elementi che incidono sulla carica a partire dal tipo di utilizzo. Se si sfrutta a pino la potenza di percussione la carica sarà inferiore rispetto a quando si utilizza il trapano avvitatore o solo per avvitare o comunque per lavori semplici su materiali non particolarmente duri o resistenti.

Struttura

Il trapano avvitatore ideale deve essere comodo da usare, ci deve permettere di ridurre la fatica necessaria per tutti i lavori che vogliamo fare e aiutare a ottenere ottimi risultati. Deve essere pratico e comodo da utilizzare, sia che si tratti di lavori amatoriali per tempi ridotti e con una frequenza bassa, sia che si tratti attività professionali con durata e frequenza decisamente superiori. La prima cosa da guardare è sicuramente l’impugnatura, deve essere comoda e ergonomica, con materiali adatti che garantiscono una sicurezza antiscivolo quando si utilizza con le mani bagnate o sudate. È anche necessario che le vibrazioni trasmesse siano limitate il più possibile perché non risulti eccessivo il carico sulle nostre braccia mentre lavoriamo, soprattutto per attività dalla durata notevole. Un’impugnatura comoda significa un lavoro eseguito al meglio, anche per questo è opportuno verificare che i comandi a disposizione siano comodi da raggiungere e utilizzare mentre si lavora. Se lavorare in zone relativamente buie, è possibile scegliere i modelli con luce al led che illumina maggiormente la vostra area di lavoro per un’esecuzione più comoda e precisa. Anche il peso gioca un ruolo importante, è fondamentale da una parte avere uno strumento solido e sicuro e dall’altra poterlo utilizzare per tempi più o meno lunghi senza eccessivi carichi e fatica. I modelli più adatti agli amatori sono di solito più leggeri e perfetti per lavori semplici, mentre quelli professionali studiati apposta per attività complesse possono risultare più pesanti. In generale il consiglio è di rimanere su un peso massimo di 2kg. Per quanto riguarda i materiali con cui è costruito il nostro trapano avvitatore, abbiamo la plastica per l’impugnatura e per la parte esterna e il metallo per garantire un motore e un mandrino solidi e resistenti. In generale parliamo di strumenti studiati per utilizzi anche impegnativi quindi in grado di resistere al calore, a eventuali urti e nel tempo.

Tipologia di motore

trapano in azione su legno, focus sulla punta
I motori dei trapani si dividono in due categorie: con spazzole o senza spazzole, meglio noto come brushless. Anche il tipo di motore è un fattore importante per una scelta consapevole, così come la potenza. I modelli brushless risultano quelli che garantiscono le prestazioni migliori sia per potenza sia per autonomia di lavoro. Ma cosa vuol dire esattamente motore senza spazzole o brushless? Parliamo di un motore che funziona senza contatti elettrici quindi non ci sono attriti sull’albero del rotatore per un risultato decisamente superiore in termini di performance.

Funzioni

I trapani avvitatori ci permettono di svolgere due lavori diversi con lo stesso strumento, ognuna di esse richiede caratteristiche precise. La funzione percussione è caratterizzata dalla presenza di un mandrino progettato per sopportare elevati sforzi e per gestire due tipi di movimento, rotatorio e battente. Il mandrino è quella parte del trapano che ferma e gestisce le punte che vengono di volta in volta utilizzate, è quindi importante che sia il mandrino che le punte siano di buona qualità. Per poter gestire la funzione di vita e svita, il mandrino è dotato di un comando anche a levetta che regola il senso di rotazione. Per chi utilizza molto la funzione di avvitatore è interessante la presenza della frizione, una sicurezza in più che permette di evitare il blocco del trapano in caso ci sia un’eccessiva resistenza o un problema, in modo da proteggere al meglio tutti i componenti.

Accessori

A seconda dei modelli di trapano avvitatore e della fascia di prezzo, si troveranno più o meno accessori inclusi o acquistabili a parte. In molti casi il trapano viene venduto con una comoda valigetta in cui riporlo e grazie alla quale potrete conservare tutti gli accessori e non perdere i pezzi in casa o nella vostra postazione di lavoro. Il primo accessorio fondamentale è il numero di batterie incluse e una eventuale base di ricarica per preparare la batteria di riserva mentre state lavorando. Nei modelli di trapano avvitatore economico trovate normalmente una batteria extra mentre nei prodotti di fascia più alta il numero di batterie di scorta sale fino a quattro. Oltre alla batteria, è fondamentale considerare il numero e la tipologia di punte: per la funzione di trapano queste variano in base al tipo di materiale che si andrà a lavorare (ferro, legno, pietra, ecc) mentre per la funzione di avvitatore saranno diverse di grandezza e tipo dato che andranno a sostituire vari tipi di cacciavite. Si possono anche trovare altri accessori come set appositi per tasselli, taglierini o bussole, come sempre la valutazione va fatta in base al tipo di lavoro che pensiamo di fare sia ora sia nel prossimo futuro, per acquistare un prodotto ottimo e che duri a lungo nel tempo.

Marche e Prezzi

I prezzi dei trapani avvitatori sono molto variabili, i prodotti economici si trovano anche per un costo di meno di 50€ mentre quelli professionali arrivano anche a superare i 600€. Tra i migliori trapani a batteria economici troviamo le proposte dei marchi TEENO, Trotec e Silverline. Sono tutti prodotti con un ottimo rapporto qualità-prezzo, facili da maneggiare, spesso includono la luce al led e di solito hanno batterie al litio. Gli svantaggi di questi modelli sono principalmente il peso eccessivo e la potenza limitata, per questo sono adatti per chi ne fa un uso limitato sia in termini di frequenza sia di durata complessiva del lavoro. Nei modelli migliori di trapano avvitatore troviamo marche molto note come Bosh e Black&Decker, la prima è sinonimo di prodotti di elevata qualità anche professionali mentre la seconda offre soluzioni relativamente economiche o comunque con un ottimo rapporto tra il costo e la qualità che si ottiene. I prodotti Bosh sono robusti, con una notevole velocità di carica della batteria e un’ottima durata anche per lavori dove la potenza è maggiore, sono ottimali sia come trapano sia come avvitatore e non hanno un peso eccessivo pur essendo soluzioni avanzate. Il loro svantaggio è il prezzo più elevato rispetto ad altre marche. I modelli Black&Decker sono spesso compatti e comodi da utilizzare anche perché abbastanza leggeri, con una notevole prestazione della batteria sia in durata sia in ricarica, la loro dimensione contenuta li rende meno adatti a lavori grossi e impegnativi. Come sempre la scelta migliore sarà il modello che meglio risponde alle vostre necessità.

Saremo felici di sapere cosa ne pensi

Lascia un commento

Tuttomigliore.it
Logo
Enable registration in settings - general
Confronta prodotti
  • Total (0)
Confronta
0